Save

Alla scoperta di Zante: isola incontaminata della Grecia

Page author

by Roberto - 18 luglio 2017

La più meridionale delle sei isole ioniche della Grecia, Zante, non è solo rinomata per essere il paradiso del divertimento e dello shopping, ma anche per la sua splendida costa, montagne spettacolari e ampie zone dove regna una natura incontaminata. Date un’occhiata alla nostra guida per scoprire cosa vedere a Zante in 7 giorni, andando alla scoperta delle sue tre zone principali, ricche di attività per tutta la famiglia e di proposte per i più sportivi.

Costa sud-orientale

Questa zona è nota per i servizi offerti dalle infrastrutture balneari e alberghiere e per il rilassante contorno della folta vegetazione di pini ed eucalipti. Le sue attrattive principali sono il Parco Marino di Zante e la spiaggia di Dafni che, di dimensioni ridotte e bagnata da acque caldissime, si affaccia sui 15 km di sabbia dorata della baia di Laganas. Proseguendo vero l’estremo sud, si giunge poi alla penisola di Vassilikos, ricca di spiagge dorate e ristorantini tipici immersi in una natura rigogliosa a pochi passi dalla città di Zacinto. Un ambiente tranquillo con case, hotel di lusso, piccoli alberghi e negozietti sparsi in un bucolico paesaggio di campagna.

Zona nord-orientale

La zona nord-orientale dell’isola si estende sul tratto costiero che va dalla spiaggia di Makris Ghialos fino a Capo Skinari, dove potrete provare l’emozione di trascorrere una notte in uno dei suoi due mulini a vento, o concedervi un tuffo notturno con il plancton ad illuminarvi la rotta. Il tratto di costa che conduce a Makris è uno spettacolo, per la presenza delle Blue Caves o grotte blu, così soprannominate per i riflessi che assume il mare nelle loro profondità, e l’isola di Cefalonia a una breve distanza. Aquesto punto vale la pena fare una capatina sulla spiaggia Xigia Beach, riconoscibile per il forte odore di zolfo emanato dalle sue acque dalle rinomate proprietà terapeutiche.


Grotte blu

Zona occidentale

Dirigiamoci ora verso il lato opposto dell’isola, per renderci conto durante il tragitto della sua ricchezza dal punto di vista naturalistico, con la sua parte centrale costituita in prevalenza da pianure fertili e l’estremità a nord-ovest arida e montuosa. Il luogo più celebre della zona è il Fiordo del Porto Limnionas, una spiaggia situata su una profonda lingua di mare, caratterizzata da una costa frastagliata che nasconde varie calette rocciose, grotte marine e l’azzurro delle sue acque. Tra un po’ di divertimento a base di snorkeling e diving, consigliamo un pranzo nella taverna locale, che offre piatti a base di pesce fresco in quest’angolo incontaminato di Zante.


Porto Limnionas

Zakynthos nel suo nome greco, è bella da togliere il fiato: non solo per agli straordinari paesaggi naturalistici già cantati da Omero e Edgar Allan Poe, ma anche per le tante attrazioni di origine storica frutto di secoli d’invasioni, e le sue meravigliose spiagge. Il nostro consiglio è di noleggiare un'auto appena giunti a destinazione per poter esplorare l’isola nei minimi dettagli senza rischiare di perdervi nessuna delle zone che vi abbiamo proposto.

Page author

Articolo di Roberto

102 Post