Save

Con Hertz, un tuffo alla scoperta del selvaggio West italiano: la Sardegna.

Page author

by Hertz - 13 ottobre 2017

A livello cronologico, siamo già in autunno. Ma a livello climatico, sembra che l’estate ancora non si sia decisa ad abbandonare lo stivale, o quanto meno, alcune zone che ancora oggi possono beneficiare di cieli azzurri e un clima perfetto per tante attività all’aperto e perché no, anche di qualche nuotata last minute. Una fra queste, è la Sardegna del Sud-Ovest, che proponiamo di scoprire con un itinerario a prova di famiglia che combina natura, artigianato, storia e cultura.

L’itinerario parte da Cagliari, dove suggeriamo di noleggiare un’auto come la spaziosa Nissan X-Trail della Family Collection, capace di garantire ottime prestazioni anche sulla più impervia strada di questa terra ricca di stupendi paesaggi, storia e giacimenti.

Se stai pensando al carbone, è corretto, ma la Sardegna è anche terra di oro. Oro rosso per la precisione. Procedendo verso nord sulla E25, arriverai in breve tempo a San Gavino Monreale, abitata fin dall’epoca nuragica e famosa, non solo per le sue bellezze artistiche e architettoniche, ma soprattutto per la sua produzione di zafferano, a tal punto da essere la sede della Fiera Internazionale dello Zafferano.

Dopo esserti inebriato col profumo di questa pregiata spezia, col tuo prezioso carico, potresti andare alla ricerca del ferro e dell’acciaio più sapientemente lavorato. Infatti, la Sardegna è famosa in tutto il mondo per la sua produzione artigianale di coltelli. A Guspini potrai trovare i migliori artigiani di lame e temperini. E non preoccuparti se trovando il coltello dei tuoi sogni non potrai portarlo con te nel bagaglio a mano in aereo, perché i negozianti sono ben consci del problema e saranno lieti di poterlo spedire direttamente a casa tua.

Voglia di natura incontaminata e di approfittare di un ultimo tuffo? Puoi visitare la spettacolare Spiaggia di Piscinas. Immergendoti nelle sue chilometriche dune di sabbia, le più alte d’Europa, modellate al soffio del Maestrale e circondate da un mare azzurro e limpido, ti sentirai un tutt’uno con la maestosità della natura più selvaggia.

Procedendo verso Sud, lungo l’infinita sequela di tornanti della SS126, la prossima destinazione è il paesino di Buggerru, dove esplorerai un diverso tipo di archeologia, quella industriale.

Qui ha sede la Galleria Henry, un suggestivo labirinto di cunicoli, nella grande miniera di Planu Sartu. Scavata nella roccia, la galleria consentiva il trasporto dei materiali attraverso i vari punti dello stabilimento. Ingegnosi sistemi come l’utilizzo delle locomotive, avveniristici per il lontano 1892, sono un brillante esempio della tenacia e inventiva degli uomini.

Se ti è piaciuta questa tappa del viaggio, ti consigliamo il complesso minerario costruito in località Masua, raggiungibile attraverso la panoramica SP83. Risalente al 1924, scavato nella montagna per 600 metri, questo complesso è famoso per il pratico metodo che consentì l’uso delle barche come metodo di trasporto dei materiali estratti dalle viscere della terra. Infatti, affacciandosi sul mare, il tunnel sbuca a mezz’altezza su uno strapiombo regalando una vista mozzafiato. Da questo punto è possibile poi ammirare il suggestivo Porto Flavia e il bellissimo scoglio chiamato Pan di Zucchero.

Se la tua curiosità sul mondo delle miniere e del carbone fosse profonda, ti suggeriamo di visitare la città che con il suo nome non lascia libere interpretazioni: Carbonia. Fondata nel 1938, durante il Ventennio Fascista, la città offre anche una prospettiva interessante sull’architettura razionalista italiana. Ospita anche il Museo del Carbone, archivio storico che racconta l’estrazione, le tecniche ma anche le vite dei minatori di quegli anni.

Prosegui il viaggio a bordo della tua Nissan X-Trail verso destinazioni più “all’aperto”. Perciò, ti consigliamo di raggiungere l’Isola di Sant’Antioco. Collegata da una sottile lingua di terra alla Sardegna, questo luogo è famoso per esser stato il primo insediamento dei Fenici in terra sarda, e per essere conosciuta anche come l’isola dei fenicotteri. Infatti, all’altezza delle Saline sarai sorpreso di ammirare stormi di fenicotteri rosa, in attesa di essere immortalati dalla tua macchina fotografica.

Tornando verso Cagliari non potrai resistere al richiamo della Spiaggia di Tuerredda, incastonata tra Capo Malfatano e Capo Spartivento, Sabbia candida, mare tra il turchese e lo smeraldo, il tutto circondato da una stupenda vegetazione. Qui, un’ultima nuotata è irrinunciabile.

E dopo questo tuffo nel mare, un ultimo tuffo nella storia. Il Parco archeologico di Nora rappresenta la prima vera e propria città fenicia della Sardegna. Visitandolo al tramonto, resterai affascinato dai riflessi dorati della luce del sole sulle antiche pietre e i mosaici delle domus.

Inoltre, passeggiando attraverso il sito arriverai a tre belle spiagge contigue, Nora, I Fichi e Sa Guventeddu.

Il nostro itinerario finisce qui. Speriamo che a bordo della Nissan X-Trail, avrai potuto godere tutte le comodità che quest’auto ha da offrire su un percorso tanto affascinante quanto impegnativo. E per rendere questo viaggio o anche il prossimo, ancora più speciale e conveniente, consigliamo sempre il pagamento online per garantirti un risparmio fino al 15%.

Page author

Articolo di Hertz

272 Post