Save

Dove celebrare il Carnevale più bello in Italia

Page author

by Piero

Celebrato sin dal secolo VIII d.C., il Carnevale è una delle più antiche e rinomate tradizioni italiane. Il suo nome deriva dal latino “carnem levare”, ossia togliere la carne dal fuoco nel periodo che precede la Quaresima, con la finalità di purificare il corpo nei giorni che precedono questa festività cattolica. I festeggiamenti si sono evoluti nel corso dei secoli, mantenendo però inalterata la voglia di grandi e piccini di divertirsi e di liberarsi, almeno simbolicamente, di tutti i mali che ci si porta dietro l’anno precedente, bruciando il fantoccio del Carnevale nelle piazze. Anche se tutta Italia si riempie di colori, musiche, cibi e balli durante il periodo, non c’è regione o città in cui i festeggiamenti siano uguali, con sfilate, celebrazioni, eventi ed attrazioni particolari ed uniche nel loro genere.
 
Ecco dunque una breve guida pensata per voi e per portarvi alla scoperta di 5 feste di carnevale assolutamente imperdibili.
 
Carnevale di Viareggio

Immerso nella splendida cornice della Versilia e degli edifici in Art Deco che abbelliscono la città, il Carnevale di Viareggio si trova di diritto sul podio dei festival italiani più amati dai turisti di tutto il mondo sin dalla sua fondazione, che risale al 1873. Le sue strade si riempiono di centinaia di carri allegorici creati dagli abili artigiani locali che, cambiando tema ogni anno, prendono di mira i personaggi sportivi, politici e dello spettacolo con giganti fantocci di cartapesta. Da non perdere assolutamente è poi l’elezione di Miss Carnevale, la più bella viareggina in maschera dell’anno.
 
Carnevale di Venezia

La Serenissima si riempie di colore dal 1296, anno in cui il Senato regalò ai suoi cittadini questa celebrazione per distrarsi dalle preoccupazioni quotidiane. Oggigiorno le due settimane di festa del Carnevale rendono Venezia ancor più – se possibile – una meta di pellegrinaggio per migliaia di turisti, che non desiderano altro che fare un salto indietro nel tempo assistendo o prendendo parte a cortei che, come un tempo, nascondono la loro identità dietro affascinanti maschere colorate. Oltre a balli e cene a tema in antichi palazzi nobiliari, un’attrazione assolutamente imperdibile è il Volo dell’Angelo, che vede un artista sospeso nel vuoto discendere dall’alto della Torre della Basilica di San Marco fino al Palazzo Ducale.
 
Carnevale di Fano

Se aveste ancora voglia di festeggiare dopo la vostra tappa veneta, non dovete fare altro che spostarvi verso il centro Italia. Nella regione delle Marche, infatti potrete prendere parte alle caratteristiche sfilate del Carnevale di Fano, che si prolungano per la durata di un mese. Trasformatevi in uno dei guerrieri che prendono parte alla battaglia di dolci più divertente del mondo: non dovete fare altro che afferrare i cioccolatini e le caramelle che piovono a fiotti dai carri allegorici di passaggio e riutilizzare queste “munizioni” per colpire gli avversari che si trovano al lato opposto della processione.
 
Carnevale d’Ivrea

Altra località, altra battaglia. In provincia di Torino il Carnevale si riempie di colore con una sfida a suon di frutta, con una rievocazione storica della guerra civile che ha visto i locali difendersi dalle truppe reali napoleoniche. Questa volta, però, alle frecce si sostituiscono le arance che le due fazioni si lanciano rispettivamente dalle strade e dai carri allegorici. I più “pacifici” potranno invece allettarsi con i dolci tipici distribuiti dalla Mugnaia, una delle figure più rappresentative del Carnevale eporediese, mentre si assiste ad uno dei numerosi spettacoli musicali di numerosi artisti provenienti da tutta Europa.
 
Carnevale di Acireale

L’ultima tappa d’obbligo del vostro viaggio è la Sicilia, che vede i festeggiamenti raddoppiarsi in Provincia di Catania, dove il tradizionale Carnevale di febbraio si vede accompagnato da quello estivo di agosto, mese in cui la notte viene animata da pittoreschi carri allegorici grotteschi. L’usanza del lancio di uova marce e agrumi del secolo XVI è stata sostituita nel secolo XIX dalla ben più raffinata “cassariata”, con nobili in lussuose carrozze trainate da cavalli che regalano dolciumi ai presenti. Non manca poi il lato più artistico, con gli “abbatazzi”, i poeti folclorici che recitano poesie composte a braccio in varie piazze della città.

Come abbiamo visto, le opportunità per celebrare il Carnevale non mancano di certo, con eventi ed attrazioni tipiche di ogni città e regione che renderanno ancor più speciale la vostra vacanza. Ora, non vi resta che scegliere una tra le destinazione che vi abbiamo proposto, noleggiare un'auto ed iniziare a preparare il vostro costume per il carnevale di quest’anno.

Page author

Articolo di Piero

33 Post