Save

Esplora il Lazio settentrionale

Page author

by Hertz - 14 febbraio 2020

Vista Roma visto tutto il Lazio, o almeno questo è ciò che spesso si pensa erroneamente.

In realtà, oltre alla “Città Eterna” e alla sua ineguagliabile “Dolce Vita”, il Lazio è una regione variegata dal punto di vista naturalistico e davvero ricca di storia e cultura. Basti solo pensare ai suoi laghi, vulcani, parchi nazionali e monti, inframmezzati qua e là da antichi monasteri, preziosissimi borghi e meravigliose città d’arte.

Nello specifico, vi presentiamo a seguire tre di quelle che secondo noi sono le cittadine più belle del Lazio settentrionale e che, situate a una breve distanza da Roma, sono l’ideale per una piacevole gita in giornata.

Per raggiungerle in men che non si dica, non dovrete fare altro che fare affidamento al servizio di noleggio auto che mettiamo a vostra disposizione in città:

Viterbo

A un’ora e mezza d’auto dalla Capitale sulla SP1 o la SR2, questa cittadina di 70.000 abitanti ospita il centro storico risalente al periodo medievale più grande d’Europa.



Viterbo

D’origine etrusca, Viterbo viene soprannominata la “Città dei Papi” per aver ospitato la residenza della più alta figura della Chiesa cattolica dal 1257 al 1281 nel Palazzo dei Papi.

Tra le tante attrazioni che la popolano, questa è proprio la più amata, non solo per la bellezza di stanze quali la Loggia e la Sala del Conclave, ma anche per la storia che si cela dietro le sue spesse mura. Qui, infatti, si tenne il più lungo conclave di sempre, durato oltre mille giorni. Visitate ora passeggiando il quartiere di San Pellegrino, divenuto Patrimonio dell’Umanità UNESCO, e chiudete con Pianoscarano, la zona più autentica di Viterbo, rinomata per le le numerose feste popolari che vi si organizzano.

Civita di Bagnoregio

A una breve distanza dalla precedente e a due ore d’auto da Roma, sorge uno dei borghi più rappresentativi d’Italia. Soprannominato la “città che muore” per poggiare le sue fondamenta su un fragile promontorio tufaceo che si erge su una vallata attraversata dai corsi del Rio Chiaro e del Rio Torbido, Civita ha visto il suo territorio dominato da Etruschi, Romani e Longobardi.

Dopo aver percorso a piedi il viadotto lungo 300 metri che la collega alla “terraferma”, entrate in centro attraverso l’antica Porta di Santa Maria e visitate la chiesa romanica di San Donato, che custodisce un affresco della scuola del Perugino; non perdetevi poi il museo della Storia Contadina, inserito all’interno di grotte etrusche.

Civitavecchia

A un’ora e 15 minuti circa da Roma e affacciata sul litorale tirrenico, questa località è molto più che sole e mare.



Civitavecchia

Nei pressi del porto, forte Michelangelo – imponente struttura un tempo adibita a edificio militare – è uno dei simboli locali. Immancabile è poi un salto alla fontana di Vanvitelli – realizzata nel 1743 dall’omonimo artista e incastonata nel muraglione del porto. Creata in stile classico, ospita al suo centro la statua di un fauno che, secondo la leggenda, sorriderebbe portando fortuna ai turisti. Dirigetevi infine alle terme Taurine che, volute dall’imperatore Traiano, testimoniano gli antichi fasti della civiltà romana.

Page author

Articolo di Hertz

414 Post