Save

Gli itinerari nello Stato del Vermont

Page author

by Piero - 30 agosto 2018

Un viaggio in auto attraverso gli Stati Uniti è una delle esperienze da fare almeno una volta nella vita. Non importa quale itinerario si scelga, per scoprire l’anima più profonda dell’America basta noleggiare un’auto ed iniziare ad esplorare i suoi spazi sconfinati percorrendo le celebri Interstatali, ovvero le autostrade che attraversano i diversi Stati e rappresentano la principale rete viaria degli USA.

Oltre al famoso “coast to coast”, esistono diversi percorsi meno conosciuti, ma altrettanto affascinanti e per certi versi più intriganti. Potete ad esempio scoprire gli Stati Uniti lungo la direttrice Nord-Sud sulla costa orientale, quella che si affaccia sull’Oceano Atlantico. Qui si trovano molte delle città più importanti, a partire da Boston, New York, Washington e Philadelphia. Questo itinerario attraversa la vasta regione del New England e nasconde dei veri e propri gioielli come lo Stato del Vermont, celebre per le sue bellezze naturali e le “Green Mountains”. Questo stato è attraversato da tre autostrade: la Interstate 89, che arriva fino al confine con il Canada, la Interstate 91 e la Interstate 93, che inizia nell’area metropolitana di Boston per terminare nella cittadina di St. Johnsbury.

Vermont

Ecco cosa vedere nel Vermont e quali itinerari seguire per apprezzare al meglio questa iconica regione degli Stati Uniti, che – grazie ai suoi colori – risulta particolarmente affascinante durante la stagione autunnale.

Alla scoperta delle piccole città del Vermont

Il Vermont è ancora oggi uno Stato molto legato alle tradizioni, al contatto con la natura e alla vita rurale, che gioca un ruolo fondamentale nell’economia locale. Un modo per scoprire il lato più autentico di questo stato è quello di visitare le tante piccole cittadine che ne definiscono l’identità. Città pittoresche ed eleganti, in cui il tempo sembra essersi fermato al secolo scorso. Se amate le case bianchissime, le finestre in stile inglese ed i giardini curati, questo itinerario fa assolutamente per voi. Da non perdere la città di Chester, sulla Vermont Route 103, che è famosa per lo Stone Village Historic District, un quartiere caratterizzato da bellissime case in pietra. Anche la cittadina di Grafton ha fascino da vendere, mentre Manchester vi catturerà con i suoi negozi ed i locali indipendenti.

La città di Burlington

Dopo aver visitato le cittadine più caratteristiche, non può mancare nel vostro itinerario la città più importante dello stato, Burlington. Se pensate ad una grande metropoli siete fuori strada: la città ha solo 40mila abitanti e risulta il centro più popoloso, a riprova di quanto il rappresenti una dimensione rurale e scarsamente abitata. Questo è ovviamente un vantaggio se si vuole apprezzare la natura che circonda la città, a partire dal lago Champlain e dalle vicine Green Mountains. Nel centro urbano, il quartiere più importante è quello che si sviluppa attorno a Church Street, un’isola pedonale in cui si trovano i negozi ed i locali più caratteristici. Da non perdere anche il Waterfront, che si rivela una location perfetta per una romantica passeggiata sulle sponde del lago, e l’Overlook Park, da cui è possibile godere di una vista panoramica sulla città.

Vermont

Le Green Mountains

Il Vermont è chiamato “la terra delle montagne verdi” e visitandolo non è difficile capire il perché. Questa catena montuosa si estende da Sud a Nord per circa 400 chilometri nel territorio dello Stato, in pratica dal confine con il Massachusetts a quello con il Quebec. Le “montagne verdi” sono un autentico sogno per chi ama il contatto con la natura, le escursioni, i sentieri ed i campeggi attrezzati, ma anche per chi pratica gli sport invernali grazie alla presenza di molti impianti di risalita. Se decidete di visitare questa regione in autunno, essa vi accoglierà con uno scenario unico in cui il verde si mescola al rosso, al giallo e all’arancio. Non dimenticate la macchina fotografica!

I fari del Vermont

Al pari del Maine, anche il Vermont è celebre per i piccoli fari solitari che costellano la costa frastagliata del New England e i laghi interni. Si tratta spesso di piccole torri (con in cima una lanterna) costruite a fianco di case private in cui abita il custode, per questo non tutti i fari sono aperti al pubblico. Ma per fortuna la loro bellezza si può ammirare anche da fuori. A Burlington non perdete i due fari caratteristici della città, ovvero i Breakwater Lights Nord e Sud, facilmente visibili anche dalla spiaggia. Sempre sul lago Champlain si può vedere il Windmill Point Lighthouse, nella località di Alburgh, mentre il faro Colchester Reef oggi si trova lontano dall’acqua perché è stato spostato a Shelburne, presso il museo locale.

Page author

Articolo di Piero

38 Post