Save

I migliori musei a Berlino e dintorni

Page author

by Martina - 22 dicembre 2017

Berlino è una città che ha vissuto da protagonista diverse epoche storiche, dall’impero germanico al terzo Reich nazista, dalla Guerra Fredda alla riunificazione delle due Germanie. Ogni periodo ha lasciato tracce profonde tracce nella capitale ed oggi Berlino è una delle città europee intrise di storia e cultura. Ma non solo, dalla caduta del muro sta vivendo una vera e propria rinascita che l’ha portata ad essere una delle destinazioni più alla moda in Europa.

Il Museo del Muro e il Checkpoint Charlie

Il Museo del Muro, uno dei più importanti di Berlino, si trova a pochi metri dal celebre Checkpoint Charlie, il posto di blocco situato tra la zona d’influenza americana e quella sovietica. Oggi quel punto, all’incrocio tra Friedreichstrasse e Zimmerstrasse, ospita una ricostruzione fedele della baracca originale ed è una delle tappe d’obbligo a Berlino. Il vicino museo rappresenta una delle testimonianze più significative del periodo della Guerra Fredda e, visitandolo, si riesce a percepire realmente l’atmosfera nella Berlino di quegli anni. Il Museo documenta gli eventi storici e politici che portarono la città ad essere divisa per ben 28 anni. Una sezione è dedicata alle soluzioni utilizzate nel corso degli anni per passare il confine: ad esempio all’interno di doppi fondi delle auto, attraverso tunnel segreti, nuotando nel fiume Sprea, ma anche a bordo di un’auto cabrio, di un carro armato, e addirittura di una mongolfiera.

Berlino


Il Museo della DDR

Si tratta di un museo recente – è stato aperto nel 2006 – ma è subito diventato uno dei più visitati. Il Museo della DDR, la Repubblica Democratica Tedesca, raccoglie una serie di oggetti e documenti che permettono al visitatore di capire come era la vita quotidiana nella Germania Est nel periodo del blocco comunista. Si possono trovare oggetti di uso quotidiano, come effetti personali, medicine e cosmetici, ma anche la fedele ricostruzione di una tipica casa dell’epoca. E si può anche salire a bordo di una Trabant, la vettura simbolo del regime sovietico.

Il Museo degli Alleati a Dhalem

Situato nel quartiere Steglitz-Zehlendorf, l’AlliiertenMuseum, letteralmente “museo degli alleati”, documenta la storia e le decisioni politiche degli Alleati occidentali dal 1945 al 1989. Spesso parlando della Guerra Fredda ci si concentra sul settore sovietico di Berlino, ma è importante anche capire cosa avveniva in quello occidentale. Questo museo ricostruisce una parte importante dello scenario politico e militare di Berlino dal 1945 al 1989.

L’ex prigione della Stasi

Un luogo per comprendere lo stretto controllo a cui erano sottoposti i cittadini di Berlino Est. Stiamo parlando dell’ex prigione della Stasi, situata in quella che una volta era il centro per gli interrogatori del Ministero per la Sicurezza di Stato, cioè dove era trattenuto e interrogato chi si trovava in stato di fermo.


Berlino

Il Computerspielenmuseum e il Body Worlds

Da non perdere anche il Computerspielenmuseum, che mostra l’evoluzione della tecnologia dei calcolatori, a partire dagli anni ’60 e ’70. Al suo interno si può fare un salto nel passato – e nei ricordi – ritrovando i primi computer, ma anche famosi videogames e console. Se avete lo stomaco forte, mettete in programma una visita al Body Worlds, il controverso museo che raccoglie corpi umani perfettamente conservati e parti anatomiche reali.

Insomma, le proposte a Berlino non mancano certo e questi sono solo alcuni degli oltre 60 musei presenti. Sebbene la città sia dotata di un ottimo sistema di trasporto pubblico, diversi luoghi caratteristici si trovano al di fuori del centro. Per raggiungerli il modo più indicato è noleggiando un’auto, soluzione che permette di organizzare il proprio itinerario personalizzato con la massima libertà. Buona visita!

Page author

Articolo di Martina

23 Post