Save

Il salone dell’auto di Torino

Page author

by Elisa Maria Giannetto - 08 giugno 2017

Mettetevi comodi, come in un salotto all’aria aperta, per godervi la sfilata delle più belle creazioni uscite dalle sartorie di Carrozzieri e Centri Stile. Perché dal 7 giugno e per 5 giorni, Torino diventa il palcoscenico di ciò che sarà il futuro dell’automotive. L’esposizione automobilistica del Parco Valentino, ha saputo, anno dopo anno, riportare il pubblico a contatto con l’automobile in una forma diversa e innovativa rispetto al salone canonico: qui si passeggia nel parco, gratuitamente, passando di stand in stand con la massima libertà. Il Salone dell’Auto di Torino, in questa terza edizione, ha raggiunto il 90% dei brand presenti sul mercato con oltre 100 automobili.

In una città che ha contribuito tanto allo sviluppo del design, non poteva mancare qualche anteprima. Sono 8 i prototipi che il pubblico potrà ammirare in un'esposizione collettiva unica: Fiat 124 Mole Costruzione Artigianale 001, FV-Frangivento Charlotte Gold, GFG Style Techrules Ren, IED Torino Scilla, Italdesign PopUp, Fittipaldi EF7 di Pininfarina, Touring Superleggera Artega Scalo Superelletra, Trilix TAMO Racemo.

Se accettate la provocazione, dopo averle ammirate, recatevi in piazza Vittorio Veneto per vedere tre automobili– prelevate per l’occasione dal Museo Nazionale dell’Automobile, intitolato all’Avvocato Agnelli - che all’epoca erano considerate ugualmente rivoluzionarie: la mitica Itala Pechino-Parigi e due vetture a vapore recentemente restaurate, come la carrozza Trinci del 1879 e il triciclo Pecori del 1891. Anche loro parteciperanno, per un breve tratto, al GP Parco del Valentino, che partirà sabato 10 giugno per concludersi alla Palazzina di Caccia di Stupinigi. Anche quest’anno, lo spettacolare corteo sarà guidato dalla Lancia D50 di Ascari che vinse l’ultima edizione della corsa. Era il 1955.

E la sera non perdetevi la magia del Fuori Salone nelle 5 location che ospiteranno gli eventi clou del programma: il Castello del Valentino, piazza Vittorio Veneto, piazza San Carlo, piazza Solferino e Parco Dora.

La magia è assicurata anche se magari correrete il rischio di volerle provare tutte. Se così sarà, allora mettetevi comodi sul divano di casa vostra e navigate sul sito di Hertz. C’è solo l’imbarazzo della scelta.

Page author

Articolo di Elisa Maria Giannetto

13 Post