Save

Las Palmas, un paradiso per gli amanti dell’avventura

Page author

by Roberto - 29 maggio 2019

Se avete sempre pensato alle Canarie come a una destinazione per coppie pigre e famigliole rumorose probabilmente dovete cambiare idea. Perché le sette isole tropicali che si trovano al largo della costa del Marocco sono un paradiso per gli sportivi.

Spiagge candide o nere abbracciano l’Oceano, mentre picchi di origine vulcanica incorniciano paesaggi aspri. Le onde ruggenti, poi, disegnano uno scenario in cui la Natura mostra tutta la sua potenza. Per questo è più emozionante sfidarla, attraverso attività che consentono di muoversi e ritrovare il contatto con il proprio corpo.

Gli sport, anche estremi, sono una delle attrazioni di questo arcipelago, che si caratterizza anche per la vitalità tipica dell’indole ispanica. La destinazione per chi va in cerca di avventure è Las Palmas, capitale dell’isola di Gran Canaria, che è la risposta perfetta se volete trasformare la vostra vacanza in una serie di fotogrammi ad alto tasso di adrenalina, di quelli che tornano in mente durante le grigie giornate invernali, quando si sta “incatenati” alla scrivania ma si vorrebbe fuggire lontano. Gli sport tra cui scegliere sono tanti. Gli amanti dell’acqua possono abbracciare l’Oceano su una tavola da surf, cavalcare un windsurf o un kitesurf oppure immergersi alla ricerca di tesori e mondi sommersi. Se preferite la terraferma dovete provare il canyoning o lanciarvi in discese in mountain bike, mentre se vi sentite coraggiosi vi suggeriamo di esplorare il cielo.

Per sperimentare ogni ambiente, comunque, conviene mettere in conto di affittare un’automobile appena atterrati, rivolgendosi agli uffici Hertz dell’aeroporto. Così assaporerete la libertà della vacanza sin dal primo momento, senza sottostare agli orari dei mezzi pubblici, pronti a inseguire l’istinto in cerca di scoperte.



Las Palmas

A cavallo delle onde

Come spiegano i vecchi, sfoderando un sorriso disarmante, a Las Palmas è più facile trovare un bambino in giro con una tavola da surf che con una bicicletta o uno skateboard. Merito del clima mite, che sembra cristallizzato in un’eterna primavera e consente di andare in mare tutto l’anno e dei venti capricciosi, che propiziano evoluzioni e divertimento. Se siete già dei patiti della tavola le spiagge dove mettersi alla prova sono numerose e si trovano vicino ai villaggi di Arucas o di Gáldar, che sono a breve distanza in auto dalla capitale. Sulle spiagge di Quintanilla e di El Frontón vi capiterà di incontrare surfisti che parlano tutte le lingue e fanno danzare la loro tavola con la grazia di una ballerina. Se siete alle prime armi, invece, vi consigliamo di fermarvi sulla spiaggia di Las Canteras, definita una delle più belle spiagge cittadine del mondo, con i suoi tre chilometri di sabbia chiara, su cui si affacciano anche scuole, che impartiscono corsi brevi e lezioni individuali o di gruppo. In questa spiaggia che sembra non finire mai, peraltro, si trova anche una zona, chiamata La Barra, dove con la bassa marea viene a crearsi una piscina naturale salata che è perfetta per lo snorkeling e rappresenta lo spazio ideale di decompressione dopo ore tra le onde.

Infine, sistemata in auto la tavola, non potete tralasciare di fare una sosta alla Playa de La Laja, che è all’uscita della città, in direzione sud. Una striscia di sabbia nera, su cui le onde si infrangono con un ritmo costante: l’ideale per i principianti.

Catturare il vento con le mani

Nell’isola di Gran Canaria, però, c’è anche un’altra disciplina acquatica che attrae turisti da tutto il mondo. É il windsurf, che regala soddisfazioni per via dei venti oceanici che non smettono mai di soffiare, ma allo stesso tempo mutano spesso. Una variazione continua, che strega tutti coloro che con i piedi su una tavola desiderano addomesticare le forze della Natura e farsi portare nella direzione che prediligono. Le spiagge migliori sono nella parte sud dell’isola, quindi vi consigliamo di prendere la vostra auto e lanciarvi in cerca dell’angolo che più vi piace. La destinazione preferita dai windsurfer è Pozo Izquierdo, che si trova a Santa Lucia. Qui il vento soffia sempre forte, le onde sono alte e costanti e quindi si tratta del luogo ideale per chi è esperto e vuole iniziare a praticare salti e acrobazie. Anche perché in questa zona si tengono ogni anno delle gare internazionali. Potete fermarvi per un po’, osservare questi atleti sorprendenti e farvi consigliare sulle altre spiagge da non mancare. E non è escluso che vi capiti di chiacchierare con qualche leggenda, come Björn Dunkerbeck, campione del mondo, che ha deciso di trasferirsi a Pozo e qui si è allenato per le sue imprese sportive. Ai principianti, infine, suggeriamo di fermarsi a Salinas Park, ideale per imparare visto che si tratta di una insenatura abbastanza protetta. Dove si fa windsurf, però, si può praticare anche il kitesurf e se siete coraggiosi potete pensare di alternare le due discipline, allenando la mente e il fisico a sfide con Eolo. Per volare sostenuti dal suo soffio, sollevando la tavola dall’acqua e ricamando capriole nel cielo.



Las Palmas

Alla ricerca di relitti e tesori

Se ad affascinarvi sono le profondità del mare, invece, fare immersioni a Las Palmas consente di scoprire un interessante fondale di origine vulcanica. Subito dopo la barriera corallina, parallela alla costa, il mare si fa profondo e l’abisso asconde relitti e tesori. Ci sono le tracce di naufragi,  come quello di El Arona, il cui scafo giace su un fianco a circa 35 metri di profondità, in un tratto di mare a venti minuti da Las Palmas. In ottime condizioni, la nave si lascia ammirare dai sub, che nuotano intorno al suo perimetro e tentano di penetrare i suoi segreti, circondati da banchi di barracuda e sardine che rendono il fondale sorprendente. Nel profondo blu, poi, sorge anche la Cattedrale, una formazione rocciosa che ricorda una grande chiesa, con torri, colonne, pinnacoli da esplorare, scendendo fino a 35 metri di profondità. Basta partire dalla spiaggia di Las Canteras e da quella vicina di La Isleta per trovare caverne e fondali sorprendenti. Dopo un breve spostamento in auto, invece, si può raggiungere nella zona ovest dell’isola la riserva marina di El Cabrón, autentico paradiso di biodiversità marina.

In volo sopra il vulcano

A coloro che sono stanchi di acqua salata e hanno voglia di scoperte di ampio respiro, può piacere l’idea di esplorare il cielo. Esistono diverse possibilità per fare voli in parapendio, assaporando l’emozione del vuoto sotto di voi con la sicurezza di un esperto che vi riporterà con i piedi per terra! Basta salire in auto e raggiungere due delle destinazioni migliori. Gli indirizzi da annotare per questo battesimo del volo sono Los Giles o Las Coloradas. Dal cielo si gode una vista ineguagliabile della spiaggia di Las Canteras, con la sabbia che mostra diverse gradazioni di colore, dall’oro al bianco. E poi ci sono le caldere, le foreste, le costruzioni colorate della città, che pulsa di vita. Si dipanano sotto i vostri occhi, come sulla tela di un grande artista. Planando dolcemente nel vento, guidati da un istruttore esperto, si godono panorami davvero unici, che rimangono a lungo nel cuore.



Las Palmas

Scivoli e tuffi nella natura

Se volete restare con i piedi sulla terra ferma, ma comunque vivere esperienze insolite, scoprendo paesaggi suggestivi, vi suggeriamo di provare il canyoning, che a Gran Canaria viene proposto anche ai non esperti. Si tratta di una disciplina che mescola il nuoto, la camminata in montagna e la discesa nelle grotte. Indossando mute e imbragature da montagna ci si lancia giù per scivoli naturali e ci si cala sotto piccole cascate. Salti, risalite, discese rapide: è un po’ come stare in un’acquapark, solo che anziché pareti di plastica colorate e fastidiosi bagnini con il fischietto, intorno a voi ci sono alberi e cespugli lussureggianti e il cinguettare dei passeri. Nel canyoning, poi, capita di nuotare nei fiumi fino ad arrivare in piscine naturali, con l’acqua limpida e fredda, autentici angoli di Paradiso. Provare il canyoning, infine, significa scoprire il potere dell’acqua, che trasforma la roccia giorno dopo giorno, nel corso dei secoli. Una lezione di geologia a tutto divertimento, che appassiona ad ogni età.

A capofitto verso il mare

Esiste un ultimo sport che merita di essere provato a Las Palmas. È la mountain bike, disciplina emergente da queste parti, che ci sembra ideale per uomini e donne che amano le emozioni forti. Si percorrono valli e sentieri montani di origine vulcanica, infatti, e occorre tenere all’erta tutti i sensi per godere a pieno di questa esperienza. Sguardo fisso sul paesaggio, orecchie aperte per cogliere suoni e rumori, l’olfatto pronto a stupirsi dei profumi della flora locale. Nel sud est e sud ovest dell’isola esistono tragitti suggestivi, con società che affittano le biciclette (anche elettriche) e che forniscono una guida in modo da godere del divertimento dimenticando ogni tipo di preoccupazione. Al rientro da queste uscite conviene sedersi per un aperitivo, su una delle spiagge della capitale. E incantarsi con i colori del tramonto e la brezza di un clima temperato, che sembra studiato per dare piacere.  

Page author

Articolo di Roberto

110 Post