Save

Le 3 migliori gite in giornata da Charleston

Page author

by Roberto - 06 dicembre 2018

Città di origine coloniale della Carolina del Sud e affacciata sull’Oceano Atlantico, sul luogo d’intersezione dei fiumi Ashley e Cooper, Charleston si distingue per l’ospitalità dei suoi quasi 140000 abitanti, splendidi giardini e edifici dall’architettura raffinata. Prima per dimensioni anche rispetto alla Capitale dello Stato Columbia, la “Holy City” (così soprannominata per essere stata fondata nel 1670 sul principio della tolleranza religiosa e la conseguente costruzione di oltre 400 chiese sul suo territorio) è una località che, ancora poco conosciuta dal turismo di massa, è ricca di sorprese per chi fosse alla ricerca di una vacanza all’insegna della storia e la cultura.

Come se questo non bastasse, anche i suoi dintorni non sono da meno, con città di piccole e medie dimensioni situate a una distanza ridotta d’auto e ideali per una gita in giornata. Quella che vi proponiamo a seguire, quindi, non è tanto una guida di Charleston, ma delle nostre 3 località preferite facilmente raggiungibili servendovi del servizio di noleggio auto che vi mettiamo a disposizione nelle nostre agenzie locali.



Charleston

Beaufort

Non dovrete fare altro che prendere la US-17 S e guidare per circa un’ora e mezzo per trovarvi nel cuore delle Sea Islands e della Lowcountry del South Carolina. Camminare per il suo centro storico o, meglio ancora, ammirare le sue case costruite durante la Guerra Civile americana dall’alto di una carrozza trainata da una coppia di cavalli sarà un’esperienza davvero unica e capace di farvi tornare indietro nel tempo, anche se solo per un pomeriggio. Approfittatene per dedicarvi a attività all’aria aperta (praticando pesca sportiva, escursioni in bici o gite a cavallo) oppure, se preferite la cultura, recatevi al Museo di Storia locale, adibito sin dal 1939 a luogo simbolo di divulgazione di informazioni sul passato recente della cittadina. Sempre in questo ambito, non perdetevi inoltre il Penn Center, riconosciuto come una delle prime scuole statunitensi per gli schiavi liberati e situato su un terreno riconosciuto come “National Historic Landmark District” nel 1974. Approfittatene, poi, per approfondire la vostra conoscenza sul ruolo tanto importante giocato per la Nazione dai marines, visitando il Recruit Depot Parris Island, museo con esposizioni dedicate alla storia e le tradizioni di questo onorato Corpo.



Charleston

Savannah

Sempre sulla US-17 S, con successiva deviazione sulla I-95 S, troviamo poco più distante (per la precisione a due ore esatte d’auto) questa incantevole cittadina soprannominata la “perla della Georgia”. A parte questo già di per sé prestigioso biglietto da visita, Savannah è conosciuta anche per essere uno dei “10 più bei luoghi d’America” e “una delle città più amichevoli del mondo”. Quindi, in mezzo a tanto splendore, da dove cominciare a visitare la città? Senza ombra di dubbio dal Downtown Historic District, il quartiere storico più amplio per estensione degli States, caratterizzato da stradine e piazze acciottolate sulle quali si affacciano preziosi edifici e monumenti dei secoli XVIII e XIX. La sua Chippewa Square, piazza principale dedicata all’omonima battaglia combattuta contro gli inglesi nel 1812, si è convertita in una vera e propria meta dei cinefili di mezzo mondo. Proprio qui, infatti, si trova la celebre panchina su cui Forrest Gump aspettava l’autobus fra racconti e cioccolatini. Cambio di quartiere e cambio di stile se ci spostiamo di qualche metro in direzione del Victorian Historic District, con la sua Gingerbread House risalente al 1899 riconoscibile grazie a muri in color giallo-crema, un doppio porticato ad abbellirne la facciata e archi in stile caraibico che ricordano da vicino quello architettonico inglese del secolo XIX.



Charleston

Columbia

Chiudiamo la nostra vacanza sulle quattro ruote in Carolina del Sud, inevitabilmente, con la sua capitale, ubicata a poco meno di due ore da Charleston percorrendo la I-26 W in direzione nord. Sono gli ingenti lavori di riammodernamento cui la città è stata soggetta negli ultimi anni a riportare gli edifici e le vie del suo centro storico al loro antico splendore. Uno dei suoi quartieri più attraenti, in questo senso, è il Congaree Vista che, limitrofo al letto dell’omonimo fiume, è ideale per una bella serata in uno dei suoi tanti locali, ristoranti e negozietti incastonati negli enormi fabbricati in mattoni rossi un tempo adibiti a magazzini portuali. Non mancano, poi, vari esempi di architettura settecentesca, nello specifico, ville coloniali come la Hampton- Preston Mansion e la Robert Mills House, così come centri tutti dedicati alla cultura, quali il South Carolina State Museum in cui si riassume alla perfezione la storia recente della Nazione, ed edifici capaci di occupare un ruolo di primo piano nell’organizzazione religiosa e politica degli ultimi secoli (tra questi annoveriamo la First Presbyterian Church di fine ‘800 e il Campidoglio South Carolina State House, che spicca sul paesaggio circostante dall’alto dei suoi 55 metri).  

Page author

Articolo di Roberto

103 Post