Save

Mare e divertimento a Ibiza: la guida completa

Page author

by Martina - 30 agosto 2018

Se avete meno di trent’anni, è abbastanza probabile che la vostra idea di vacanza a Ibiza non sia la riscoperta del suo lato culturale e naturalistico. La vita notturna dell’isola è infatti il maggior richiamo per i giovani che ogni anno arrivano a migliaia da tutta Europa. La loro giornata tipo sull’isola prevede spiaggia, lounge bar e discoteca fino all’alba. 

È vero, Ibiza ha puntato molto sul divertimento per attirare i turisti, ma questo non significa che non abbia molto da offrire anche sotto altri punti di vista, a partire dalle sue bellezze paesaggistiche. Sono davvero tante le spiagge dell’isola, da quelle attrezzate a quelle più nascoste e selvagge, e ci sono anche splendidi parchi naturali come quello di Ses Salines, dove lasciarsi alle spalle la frenesia delle discoteche per riconnettersi con la natura. Non mancano i centri storici da visitare per scoprire la cultura delle Baleari e con il traghetto si può raggiungere facilmente la vicina isola di Formentera, magari per una gita in giornata.

Arrivare a Ibiza durante i mesi estivi è  davvero semplice, grazie alla presenza di voli diretti da tutte le principali città italiane, operati da compagnie come Ryanair, Easyjet, Vueling, Neos e Alitalia. L’aeroporto, denominato San José, si trova a circa sette chilometri dal capoluogo dell’isola e rappresenterà il punto di partenza della vostra vacanza. Prenotate prima di partire la vostra auto a noleggio così, una volta atterrati, non dovrete fare altro che ritirare la vettura per iniziare a scoprire l’isola nella massima comodità ed autonomia. 

Con questa guida su cosa vedere a Ibiza cercheremo di farvi scoprire l’isola da un punto di vista diverso e più completo, senza ovviamente tralasciare il divertimento che l’ha resa famosa. Questa destinazione delle Baleari è adatta ai giovani, ma anche alle famiglie, ed in generale a chiunque voglia regalarsi alcuni giorni di relax nel suo splendido mare. 

Ibiza

Le spiagge di Ibiza

Playa d’en Bossa

La migliore spiaggia per chi ricerca il divertimento anche durante il giorno è sicuramente Playa d’en Bossa. Questa spiaggia è non solo una delle più famose, ma anche una delle più grandi con una lunghezza di oltre due chilometri. Situata tra i comuni di Ibiza e Sant Josef, questo tratto di litorale è perfetto per rilassarsi e prendere il sole nella spiaggia libera o nei ricercati stabilimenti balneari e le loro beach lounge. Sono presenti tratti di spiaggia libera e tratti attrezzati, con livelli di servizio molto differenti, da quelli per famiglie fino a quelli di lusso. La sabbia è finissima e il mare è abbastanza tranquillo, quindi sicuro per la balneazione, ma a Playa d’en Bossa si possono anche praticare sport acquatici, come le immersioni, e sport con la vela come il wind surf, il kite surf. Sono presenti tantissimi ristoranti e beach bar, che di sera si trasformano in ambienti raffinati per un aperitivo sulla spiaggia davanti al tramonto. Ovviamente in preparazione di una notte scatenata in una delle megadiscoteche poco distanti.

Talamanca

Un’altra grande spiaggia di Ibiza è Talamanca, un litorale sabbioso affacciato su una baia che ha una lunghezza di circa un chilometro. Qui si possono trovare degli ombrelloni per proteggersi dal sole e dei tratti di spiaggia attrezzata. Inoltre, anche a Talamanca è possibile praticare diversi sport come la vela e le immersioni in tutta sicurezza, grazie anche alla presenza di diverse postazioni di soccorso. Se volte fare un bel bagno, potete farlo nella zona destinata alla balneazione, che è ben stabilita e delimitata da boe. Nella parte finale della spiaggia, quella più rocciosa, viene praticato il naturismo, quindi non scandalizzatevi se vi spingete fin là. Il bello di questa spiaggia è che, sebbene sia una spiaggia urbana, non ha perso il suo lato selvaggio.

Aguas Blancas

Volete prendervi una pausa dalla vita mondana e dai ritmi frenetici del divertimento? La spiaggia giusta si rivela Aguas Blancas, situata nel comune di Santa Eularia a circa 15 chilometri dal paese e a circa 30 chilometri dalla città di Ibiza. Non è facile da raggiungere (una parte del sentiero di accesso è abbastanza ripido) ed è necessario avere un’auto a disposizione perché non sono presenti collegamenti con autobus. Queste difficoltà logistiche si trasformano in un vantaggio se cercate un’atmosfera incontaminata e poco frequentata. La spiaggia è incorniciata da rilievi rocciosi ricchi di vegetazione che la riparano dal vento e la rendono uno dei posti preferiti anche dagli abitanti locali. Le acque cristalline la rendono perfetta per lo snorkeling e le immersioni. Come in molte spiagge di Ibiza, anche qui è possibile praticare il naturismo.

Sa Caleta

Un autentico paradiso circondato da scogliere e caratterizzato da un mare trasparente che va dal turchese al blu profondo. La spiaggia di Sa Caleta, conosciuta anche come Cala Bol Nou, è una perla assolutamente da non perdere a Ibiza. Si trova a metà strada tra i municipi di Ibiza e Sant Josef e per questo per raggiungerla è utile avere a disposizione un’auto. Una volta arrivati vi ritroverete all’interno di una splendida baia chiusa con diversi tratti di litorale separati da rocce. Le acque sono affascinanti, ma diventano subito profonde e per questo affrontatele solo se siete nuotatori esperti, meglio se in compagnia. La ricca popolazione di pesci rende questa spiaggia perfetta per le immersioni e lo snorkeling, ovviamente sempre con il massimo rispetto per l’ambiente, dato che si tratta di un’area marina protetta.

Ibiza

I locali e le discoteche di Ibiza

La sfrenata vita notturna di Ibiza rappresenta certamente l’attrazione turistica più celebre dell’isola. Il glamour, la trasgressione e la musica dei migliori dj internazionali sono il fulcro del divertimento ad Ibiza fin dagli anni ’70, quando iniziarono ad aprire i primi club. Oggi l’offerta si è arricchita e prevede, oltre alle discoteche gigantesche, anche i beach club, i sunset bar e le feste in barca.

Le discoteche di Ibiza

La maggior parte dei club famosi dell’isola sono tutti nelle zone di Playa d’en Bossa e San Antoni, oltre alla città di Ibiza. I locali sono di solito di dimensioni enormi (si parla di megaclub) con più sale caratterizzate da ambienti ricercati e anche molto diversi tra loro. I nomi di queste discoteche sono diventati ormai dei marchi di fama mondiale, come Pacha, Amnesia, Privilege, El Paradis e Underground. Per quanto riguarda la musica, i generi più diffusi sono l’elettronica, la house e la techno. Il “resident” è spesso un dj affermato a cui si aggiungono i dj ospiti, che di solito sono gli artisti più famosi del momento sulla scena internazionale. Coreografie strabilianti e ragazze immagine tra le più sexy al mondo rendono l’atmosfera intrigante e trasgressiva. 

Questi club sono affollati ogni sera da migliaia di giovani, ma non pensate che i prezzi siano economici. Per entrare nelle discoteche più famose ed esclusive si può spendere dai 40 agli 80 euro, mentre le consumazioni base sono nell’ordine dei 10-15 euro. La notte di Ibiza inizia a mezzanotte, ma i locali si riempiono solo alle due e rimangono aperti fino alla mattina successiva, di solito fino alle 6.30-7.00. 

I Beach Club di Ibiza

L’atmosfera di una discoteca, direttamente sulla spiaggia: i Beach Club sono perfetti per godersi la spiaggia in un ambiente raffinato, per socializzare durante il giorno e ovviamente per… Fare nuove conoscenze. Inoltre, qui vengono organizzati eventi e feste, anche molto esclusive, ed è possibile sedersi ai tavoli per cenare. Questi locali possono anche essere un’alternativa alle discoteche, dato che alla sera viene organizzato un dj set che dura fino a notte inoltrata. Tra i più famosi ci sono il Nikki Beach Club, il Blue Marlin, il Nassau Beach Club e il club del resort Santos Ibiza Costa Suites.

I Sunset Bar di Ibiza 

Sorseggiare un cocktail ammirando lo splendido tramonto delle Baleari è un’esperienza da fare assolutamente. I Sunset Bar, oltre che per iniziare la serata prima entrare in discoteca, possono essere un’alternativa per chi non va pazzo per i megaclub oppure non ha un grandissimo budget a disposizione, grazie ai prezzi mediamente più bassi. Il più famoso sunset bar è il “Cafè del Mar”, celebre anche per le compilation di musica chillout che vengono rilasciate ogni anno, ma ci sono anche Cafè Mambo, Savannah, Kanya e The Golden Buddha. Insomma, non c’è che l’imbarazzo della scelta.

Ibiza

Storia e cultura ad Ibiza

La città di Ibiza

Come detto, a Ibiza non c’è solo il divertimento. Come tutto l’arcipelago delle Baleari, l’isola ha una storia millenaria che è possibile riscoprire visitando i suoi principali centri abitati. La cittadina principale è ovviamente Ibiza, chiamata dai locali “Eivissa”, che oltre alla movida – concentrata nella zona della Marina Botafoch – nasconde un lato culturale ed artistico, che si esprime tra le stradine della città storica, in particolare a Dalt Vila. Qui rimangono visibili le tracce di tutte le potenze che hanno dominato l’isola, dai fenici ai cartaginesi, passando per i romani, i musulmani e infine gli spagnoli. Da vedere assolutamente il Portal de ses Taules e il ponte levatoio, oltre alla piazza progettata dall’architetto italiano Calvi. Altri luoghi da visitare sono la Cattedrale, la Chiesa dell’Hospitalet e il Castello Almudaina.

Sant Josep

 

Il paese di Sant Josep si trova a circa quindici chilometri dal capoluogo Ibiza ed è celebre per i suoi paesaggi incontaminati tra mare e montagne, oltre che per le sue calette e le sue spiagge. Anche dal punto di vista culturale Sant Josep ha molto da offrire. Qui potrete infatti visitare i resti di un antico insediamento fenicio e di uno risalente all’epoca delle guerre puniche. Da non perdere il Museo Etnologico di Ibiza e Formentera, mentre per il panorama più bello raggiungete il Puig de Missa, sulla sommità di una collina che domina il paesaggio circostante.

Il mercatino di Es Canar 

In tutta l’isola di Ibiza sono davvero tanti i mercatini di artigianato locale e di prodotti tipici che vengono organizzati con cadenza regolare. Tra i più celebri c’è Es Canar, un mercatino hippie che viene organizzato tutti i mercoledì da aprile a ottobre in un villaggio a poca distanza da Santa Eulalia. Il mercatino viene organizzato regolarmente fin dal 1973 e conta più di 400 bancarelle di artigiani e prodotti di vario genere, tutti ovviamente a tema hippie.

Il parco naturale di Ses Salines

Se siete interessati ai paesaggi selvaggi ed incontaminati, non perdete l’occasione per addentrarvi in una delle più suggestive aree protette di Ibiza. Stiamo parlando del parco naturale di Ses Salines, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco per la sua grande varietà di ambienti ed ecosistemi differenti, tra cui una riserva marina. L’area protetta, che ha una estensione di circa 14mila ettari, si trova nella parte sud di Ibiza ed include anche la zona nord della vicina isola di Formentera. Il parco è perfetto per praticare trekking lungo i sentieri tracciati o per fare delle escursioni in mountain bike, ma anche per ammirare le oltre 200 specie di volatili che abitano il parco. Chi ama il birdwatching potrebbe avere la fortuna di avvistare un falco pellegrino o un’aquila pescatrice. La vegetazione tipica del parco è dovuta all’elevata salinità del terreno e dei laghetti presenti, come ad esempio il lago salato Estany Pudent. Il parco è famoso anche per le sue spiagge, tra cui l’omonima Ses Salines, Cavallet, s’Estany d’es Peix e la Bassa de s’Espalmador.

Ibiza

Cosa mangiare a Ibiza

Una vacanza spesso si rivela l’occasione giusta per assaporare anche i piatti della cucina locale del posto che si sta visitando. Nel caso di Ibiza la tradizione culinaria è inevitabilmente legata ai piatti di pesce, ma non mancano piatti di carne ed altre specialità della cucina spagnola e delle Baleari.

Assolutamente da non perdere quello che è forse il piatto più famoso sull’isola, ovvero il “Bullit de Peix”. Si tratta di uno stufato di pesce per la cui preparazione viene utilizzato soltanto il pescato locale con specie come i pesci di scoglio e lo scorfano. Vengono aggiunte le patate e altre verdure stagionali, alloro e zafferano. Un altro stufato tipico è il “Sofrit Pagés”, che però viene fatto con diversi tipi di carne, in particolare pollo, agnello e sobrasada.

Il “Cuinat” è una pietanza a base di verdure e legumi che si prepara lasciando bollire le verdure per molto tempo. Come altrove in Spagna, tra gli insaccati non può mancare mai la “sobrasada”, un salume che a Ibiza viene prodotto in una variante particolare, protetta da un’indicazione geografica specifica. Tra le specialità spagnole c’è anche l’”Alioli”, una salsa a base di aglio e olio, la cui ricetta risale all’antichità.

Per quanto riguarda i dolci, sull’isola sapranno come soddisfare il vostro palato sopraffino. Non rimarrete delusi dalla Flaò, ovvero la torta tipica di Ibiza. Si tratta di una sorta di cheese cake in cui l’ingrediente base è il formaggio di pecora, ma ci sono anche le uova, alcune erbe e la menta. Per finire, provate lo “Hierbas Ibicencas” (chiamato semplicemente “Hierba”), un digestivo tradizionale a base di erbe spontanee dell’isola di Ibiza. Il liquore viene distillato da oltre 200 anni ed ha delle note di anice. Perfetto dopo il caffè a fine pasto, ma anche come aperitivo.

Page author

Articolo di Martina

23 Post