Save

Una guida ai migliori festival della Spagna in estate

Page author

by Hertz - 20 giugno 2018

Una guida ai migliori festival della Spagna in estate

Scrivendo la nostra guida di viaggio alternativa per l’Europa, basata sulle location più anticonformiste e sugli eventi più di nicchia del Vecchio Continente, non abbiamo potuto non notare l’atmosfera spensierata che contraddistingue la Spagna e che ogni estate la rende una delle destinazioni più ricercate dai turisti.

Per questo abbiamo deciso di selezionare alcuni dei migliori festival e delle feste alternative che si svolgeranno in Spagna nei prossimi mesi estivi. Eventi fuori dal comune, nei quali potrete assistere a cose introvabili altrove, come ad esempio vedere le persone del posto camminare sui carboni ardenti per mettere alla prova il proprio senso di appartenenza alla comunità, oppure assistere alle danze e ai canti dedicati ai santi patroni locali. Non importa dove vi troverete durante le calde giornate o le sere dell’estate spagnola, di sicuro potrete respirare l’atmosfera rilassata e al tempo stesso spensierata di questo affascinante paese mediterraneo.

La Tomatina

28 agosto a Buñol, vicino a Valencia

Ogni anno, l’ultimo mercoledì di agosto la cittadina di Buñol, nei pressi di Valencia, è teatro di una delle più suggestive battaglie tra gli abitanti. Non preoccupatevi, le armi non c’entrano: si tratta di una battaglia di pomodori, che coinvolge tutti i partecipanti. La festa della Tomatina, nella quale gli edifici della città vengono letteralmente dipinti di rosso, è breve ma intensa, infatti dura circa un’ora. Tutto comincia quando dei camion iniziano a distribuire quasi 150 tonnellate di pomodori ai presenti, viaggiando a bassa velocità tra la folla. Alle 11 in punto, alcuni residenti saltano sui camion e iniziano a dare i pomodori a chi sta a terra come “munizioni”, ma è quando i camion se ne vanno che inizia la battaglia vera e propria tra tutti i presenti. Per partecipare a questa incredibile festa, che attira ogni anno oltre 20mila partecipanti, è necessario acquistare l’apposito biglietto e, ovviamente, bisogna prepararsi a sporcarsi i vestiti di rosso…

Una corsa di cavalli sulla spiaggia

8-10 e 22-24 agosto, a Sanlúcar de Barrameda

Raggiungete la località di Sanlúcar, in Andalusia, per vivere in prima persona l’impareggiabile eleganza di una corsa ippica sulla spiaggia all’ora del tramonto. Questo affascinante evento, ormai un appuntamento fisso del calendario turistico di Cadice, si svolge ogni anno sulla spiaggia della località spagnola, nei pressi della foce del fiume Guadalquivir. Le origini della manifestazione risalgono al lontano 1845 con la fondazione del club ippico locale, che trasse ispirazione dall’affluenza di persone che si riuniva per vedere chi tra i pescatori locali riusciva a consegnare per primo le proprie merci a cavallo. La corsa, organizzata dalla Real Sociedad de Carreras de Caballos, ha ottenuto il riconoscimento della casa reale spagnola ed è divenuto un appuntamento fondamentale della stagione ippica.

La festa della Mercè 

Dal 21 al 24 settembre, a Barcellona

Una settimana di arte, cultura ed eventi in onore della Madonna della Mercede. Ogni anno, a settembre, la città di Barcellona organizza la Festa della Mercè, l’evento tradizionale più importante della città, che si svolge fin dal 1871 per volere dell’amministrazione locale. Il programma prevede oltre 600 eventi per le vie della capitale catalana con rappresentazioni teatrali, musica live e installazioni artistiche ad ogni angolo della città. La festa riveste una grande importanza nel creare l’identità culturale di Barcellona e per questo le disposizioni del comune devono essere osservate con rispetto dalle migliaia di turisti che arrivano da tutto il mondo. Quale occasione migliore per trascorrere una intera settimana assistendo agli eventi culturali più diversi, il tutto semplicemente passeggiando tra le strade della capitale catalana. E, perché no, magari trascorrere le serate con gli amici tra innovative installazioni di luce e affascinanti spettacoli pirotecnici.

Las Móndidas e il passaggio del fuoco

23 e 24 giugno, a San Pedro Manrique

Quando all’inizio dell’estate cala la sera nella piccola città di Soria, le persone del posto e i turisti si riuniscono per osservare una antica tradizione nonché una prova di resistenza unica.

I festeggiamenti incominciano quando ben due tonnellate di legno di quercia, provenienti dalle foreste nei dintorni, vengono macerate ed incendiate creando un tappeto di cenere ardente. Alle 11.30 della sera, un gruppo di giovani del paese si esibisce in una danza rituale di fronte al fuoco. Poco dopo, a mezzanotte, la festa entra nel vivo con decine di coraggiosi volontari che cercano di attraversare i carboni ardenti a piedi scalzi. Una curiosità: la maggior parte dei partecipanti eseguono la pericolosa camminata con un amico sulle spalle, perché il peso aggiuntivo permette di limitare il rischio di ustioni.

La cerimonia termina con una processione di donne dalla bellezza ammaliante vestite di bianco, chiamate móndidas, che portano dei cestini contenenti dei grissini. Una delle donne offre un grissino ad un conduttore della cerimonia, in onore delle antiche sacerdotesse, concludendo così una indimenticabile serata estiva sotto le stelle.

 Insomma, se quest'estate volete vivere in prima persona le atmosfere magiche delle feste tradizionali spagnole, e non solo, non vi resta che pianificare il vostro viaggio consultando la nostra guida di viaggio alternativa per l’Europa.

Page author

Articolo di Hertz

271 Post