Save

Venti buone ragioni per visitare Houston

Page author

by Giorgia - 28 giugno 2019

Chi abita a Houston è fiero della sua città. Ne parla con entusiasmo, ne scrive con gioia, racconta meraviglie. Secondo i residenti le stagioni ideali per visitarla sono la tarda primavera e l’estate, perché nel sole lo skyline diventa ancora più suggestivo. Ma ogni periodo ha qualcosa da offrire, tra festival, eventi culturali ed esposizioni. L’unica avvertenza è la folla. Houston è la quarta città più popolosa degli States e se si aggiungono i turisti diventa evidente che non si può mai restare soli.

Via dalla pazza folla

Per evitare il caos e la vicinanza eccessiva sui mezzi pubblici, dunque, conviene affittare un’automobile e rendersi indipendenti. Anche perché le cose da scoprire sono tantissime.

Abbiamo fatto un po’ di ricerca per voi ed ecco le venti buone ragioni per visitare Houston, almeno una volta nella vita.

L’itinerario di questa città inizia dal distretto storico, un quartiere di downtown, che raccoglie diversi edifici costruiti nell’Ottocento e nel Novecento. Potete stupirvi del design e passare ad altro, ma se il tema vi appassiona esistono anche dei tour per gli amanti dell’architettura che hanno come tappe lo Houston Cotton Exchange, il palazzo municipale della città e il Brochstein Pavillion, uno spazio creato per favorire la socializzazione, davvero di rara bellezza. L’altra tappa da non mancare è la Market Square, piazza dove si trovano negozi di artigianato e prodotti tipici, che si affaccia su un parco, il Market Square Park, dove sedersi con il naso all’insù per riguardare i profili dei palazzi, ma anche il cielo del Texas.

Houston è una città piena di vita, moderna e pulsante, che offre però anche tante oasi di pace. Secondo un censimento recente se ne contano almeno 90. Se volete riprendere fiato e rilassarvi, vi consigliamo di fermarvi al Buffalo Bayou Park: un parco che si estende per 60 ettari. Una volta qui, potete sbizzarrirvi, scegliendo tra un giro in bicicletta, una passeggiata, un itinerario alla scoperta degli angoli migliori per una foto ricordo, un attimo di relax sdraiati sull’erba.

Houston

L’arte diventa protagonista

La vacanza vi impone ritmi lenti, certo, ma la destinazione che avete scelto richiede di non fermarsi troppo, perché le tappe da toccare sono tante se volete ottenere il massimo dal vostro viaggio. Un po’ di tempo, ad esempio, va dedicato al distretto dei musei, menzionato di recente anche dalla stampa internazionale come una delle cose da non perdere a Houston. Anzitutto dovete visitare il Museum of Fine Arts, che raccoglie 70mila oggetti d’arte da tutto il mondo ed è uno dei maggiori degli Stati Uniti. Rinascimento italiano, impressionismo francese, arti decorative, oro dell’età precolombiana: solo alcune delle aree che meritano di essere scoperte e ammirate. A questa prima sosta andrebbe aggiunta anche le visita alla Menil Collection, che a novembre ha aperto il Menil Drawing Institute, dedicato al disegno e agli schizzi di epoca moderna e e contemporanea.

Su un fronte completamente diverso merita attenzione lo Houston Museum of Natural Science, che ha una sezione dedicata a fossili e dinosauri che lascia senza fiato. Pure l’ Holocaust Museum Houston, ampliato di recente, è una meta di interesse per chi non pensa al viaggio come solo a un momento di divertimento, ma anche come a un’occasione di arricchimento culturale e spirituale.

Oltre l’orizzonte, nello spazio

In questo senso, vi suggeriamo di salire in auto e fare rotta verso il Centro spaziale della Nasa, citato anche in film e serie Tv. Legato al centro da cui si lanciano satelliti e astronavi offre un’esperienza galvanizzante. In esposizione ci sono oltre 400 pezzi a tema spaziale ed è scoprire tutto delle missioni su Marte. Durante il percorso i visitatori possono anche salire su una navicella spaziale ed entrare nella sala di controllo.

Ritornati con i piedi per terra, riprendete l’auto e raggiungete il distretto teatrale, 17 isolati nel cuore del downtown con una dozzina di teatri situati a breve distanza l’uno dall’altro. Il più grande è il Wortham Theater Center, dove hanno sede la Houston Grand Opera e lo Houston Ballet e potete cercare i biglietti per concerti di musica classica, opera e balletto.

Qualora stiate viaggiando in famiglia, invece, vi segnaliamo che Houston è anche la destinazione ideale per i bambini. Merito del Children’s Museum of Houston che è un luogo di divertimento e di stimolazione per i piccoli; di Splashtown, un enorme parco acquatico pieno di invenzioni che renderà i vostri figli (ma anche il bambino che è in voi) felici come poche altre volte in passato e dello Zoo di Houston, che ospita seimila animali di 800 specie diverse. In giro per la città si trovano anche giostre da provare e i teatri spesso propongono spettacoli per i piccoli.

Houston

Parola d’ordine: diverso è bello

Un’altra buona ragione per cui vi suggeriamo di visitare Houston è la sua diversità. Date le dimensioni (oltre due milioni di abitanti) e la posizione di crocevia, la città ha raccolto nel tempo influenze diverse. Secondo i dati del censimento, è la metropoli più varia in termini di razze ed etnie degli Stati Uniti, New York compresa. Per questo si tratta di una città dai mille volti, dove si parlano 90 idiomi diversi. le culture si intrecciano e si possono mangiare cibi diversissimi, trovare negozi di aree del mondo che sono agli antipodi, incontrare persone con storie incredibili. Una città da scandagliare, quartiere per quartiere, spostandosi in auto da un’estremità all’altra.

Se dopo un viaggio vi piace tornare con qualche regalo in valigia, per voi o per gli amici, Houston è anche una destinazione ideale per lo shopping selvaggio. Non c’è bisogno di fare troppi spostamenti. Raggiungete The Galleria, un centro commerciale con 357 diversi negozi e lasciatevi guidare dal flusso. Parcheggiare è semplice, poi si comincia a visitare questa specie di paese dei balocchi, che propone grandi griffe internazionali ma anche qualche sorpresa. Costruita copiando lo stile della Galleria Vittorio Emanuele a Milano, è aperta tutti i giorni e ha una food court da capogiro, dove fermarsi per riposare e gustare piatti da fast food oppure ricette raffinate.

La meta perfetta per i più golosi

Qualora siate appassionati di cibo, infatti, c’è un’altra motivazione che vi costringe a inserire Houston nella vostra lista dei desideri. La scena gastronomica di questa città è in continua evoluzione, tra contaminazioni e nuove trovate, con pranzi che mescolano stili e ristoranti che non si muovono d’un passo dalla tradizione, portando all’apoteosi l’idea del barbecue, del cheese burger, delle costine di maiale. Ce ne sono 11mila tra cui scegliere. Anche se in questo panorama uno spazio speciale viene occupato dal tex-mex. La cucina influenzata dal Messico qui è stata davvero portata ai livelli massimi, con sapori esaltanti, che difficilmente si possono trovare altrove. Sperimentate qualche ristorante e capirete che certi fast food o le confezioni del supermercato davvero non hanno nulla a che fare con la cucina tex-mex autentica. Da provare, senza rischio di pentimento! Con il tex-mex, però, si accompagna perfettamente la birra e forse è proprio per questo che la città ospita tantissime birrerie artigianali, che meritano una visita. Giusto per orientarvi ecco le dieci migliori secondo un sito che conosce Houston molto bene.

Houston

Nuove tendenze a portata di tutti

L’altra buona ragione che vi porta a spasso per Houston è il fenomeno emergente della Gas station cuisine, che potremmo tradurre come la cucina degli autogrill. A Houston ci si ferma con la macchina in alcune di queste aree e si hanno esperienze alimentari da favola, perché il cibo è incredibilmente buono e le porzioni abbondanti ma assolutamente a buon mercato.

L’altra ragione vincente per fermarvi a Houston è anche questa: si tratta di una città dove tutto costa poco, tanto che molti giovani la scelgono quando lasciano la famiglia d’origine, anche perché sotto il profilo economico ci sono buone prospettive. Il porto è uno dei maggiori degli Stati Uniti, il settore della ricerca è avanzatissimo e secondo Fortune ci sono poco meno di trenta aziende tra le più importanti d’America che hanno sede qui. Un luogo di fermento e crescita, che rimane comunque abbordabile persino per chi è a inizio carriera. Il che spiega anche come mai a Houston la sera non faccia praticamente mai rima con noia. Non serve essere milionari per provare locali e club e le occasioni di divertimento sono varie. Ristoranti, bar, locali nell’attico da cui godere lo spettacolo del panorama. In più la vita notturna è organizzata per fasce d’età, in modo da evitare imbarazzi e compagnie davvero non adatte. I giovani stanno a midtown, dove pub e bar di vario genere diventano lo spazio di incontro ideale. Uptown è il quartiere ideale per chi cerca stile, classe e può permettersi di spendere un po’ di più, mentre downtown si trovano i club. Musica e spettacolo sono protagonisti in questi luoghi, il che forse spiega come mai Houston abbia dato i natali a una stella di fama mondiale come Beyonce. Anzi, ecco la ventesima buona ragione per visitare la città potrebbe essere proprio lei. Andare a Houston per scoprire dove Queen B è nata e cresciuta. Nella speranza magari di incontrarla e ottenere un selfie memorabile.

Page author

Articolo di Giorgia

29 Post