Save

Noleggio Auto Dublino

A partire da
15 € al giorno*
*Le tariffe sono comprensive di tasse e si basano su un noleggio di 7 giorni tra il 26/11/2018 e il 03/12/2018 a Dublino
  • 00:00
  • 00:30
  • 01:00
  • 01:30
  • 02:00
  • 02:30
  • 03:00
  • 03:30
  • 04:00
  • 04:30
  • 05:00
  • 05:30
  • 06:00
  • 06:30
  • 07:00
  • 07:30
  • 08:00
  • 08:30
  • 09:00
  • 09:30
  • 10:00
  • 10:30
  • 11:00
  • 11:30
  • 12:00
  • 12:30
  • 13:00
  • 13:30
  • 14:00
  • 14:30
  • 15:00
  • 15:30
  • 16:00
  • 16:30
  • 17:00
  • 17:30
  • 18:00
  • 18:30
  • 19:00
  • 19:30
  • 20:00
  • 20:30
  • 21:00
  • 21:30
  • 22:00
  • 22:30
  • 23:00
  • 23:30
  • 00:00
  • 00:30
  • 01:00
  • 01:30
  • 02:00
  • 02:30
  • 03:00
  • 03:30
  • 04:00
  • 04:30
  • 05:00
  • 05:30
  • 06:00
  • 06:30
  • 07:00
  • 07:30
  • 08:00
  • 08:30
  • 09:00
  • 09:30
  • 10:00
  • 10:30
  • 11:00
  • 11:30
  • 12:00
  • 12:30
  • 13:00
  • 13:30
  • 14:00
  • 14:30
  • 15:00
  • 15:30
  • 16:00
  • 16:30
  • 17:00
  • 17:30
  • 18:00
  • 18:30
  • 19:00
  • 19:30
  • 20:00
  • 20:30
  • 21:00
  • 21:30
  • 22:00
  • 22:30
  • 23:00
  • 23:30
Ho un codice promozionale

MSG_REDIRECTING_247

LBL_REDIRECTING

Perché Hertz

  • Miglior prezzo garantito - se trovi una tariffa Hertz più bassa, ti rimborsiamo la differenza
  • Nessuna penale in caso di modifica o cancellazioneEntro due giorni dal ritiro del veicolo.
  • Nessun costo aggiuntivo nascosto - copertura danno e furto inclusa
  • Wi-Fi in omaggio per chi effettua l’iscrizione al nostro programma fedeltà Gold Plus Rewards. Clicca qui per maggiori informazioni.

Hertz a Dublino

Chi va a Dublino in cerca di una realtà d’altri tempi fatta di folletti, ampie distese verdeggianti cosparse qua e là da solitarie chiesette cattoliche e cimiteri di origine celtica, dovrà ricredersi.

L’antica colonia vichinga - fondata come centro di commercio per gli schiavi e da sempre considerata la sorella minore di Londra – è infatti questo e tanto altro.

Gli amanti della letteratura si accorgeranno immediatamente dell’evoluzione che la città ha vissuto rispetto all’attenta descrizione che ne faceva James Joyce nel suo Gente di Dublino.

Oggi, ogni turista ha davanti agli occhi l’immagine di una città moderna e vivace, dove al lato delle statue di Molly Malone e Oscar Wilde, si trovano le sedi di importanti multinazionali, grattacieli e catene di fast-food.

Per visitare Dublino e le bellissime aree che la circondano in totale autonomia, vi consigliamo di usufruire del noleggio di un'auto messo a disposizione dalle nostre agenzie cittadine, quali quella ubicata all’interno dell’Aeroporto Internazionale di Dublino.

Agenzie di noleggio Dublino

  • Dublino Centro Città - Baggot Street Bridge

    Orari di apertura: (Seasonal Location)From 7 March until 6 November: Mo-Fr 0830-1730, Sa-Su 0900-1400 /// From 7 November until 6 March: Mo-Fr 0830-1730, Sa 0900-1300, Su Closed

    Indirizzo: 2 Haddington Road

    Telefono: +353 1 6687566

  • Aeroporto di Dublino

    Orari di apertura: Mo-Su 0500-0100.

    Indirizzo: Airport

    Telefono: +353 1 8445466

  • Dublino Centro - South Circular Road

    Orari di apertura: Mo-Fr 0830-1730, Sa 0900-1630, Su 0900-1530

    Indirizzo: 151-157 South Circular Road

    Telefono: +353 1 7093060

Chiudi

Prenota un'Auto

Invia

Guidare a Dublino e dintorni

Guidare a Dublino e dintorni Una volta usciti dall’aeroporto, non dovrete fare altro che imboccare la M50 per trovarvi in centro città in soli trenta minuti.

Tante sono le motivazioni che vi possono spingere fino alle sponde irlandesi ma, che si tratti di alcuni giorni di meritato riposo con gli amici o una conferenza universitaria, non potrete proprio fare a meno di concedervi momenti liberi per sfruttare al meglio il vostro soggiorno e visitare tutto ciò che Dublino ha in serbo per voi.

Prima di mettervi alla guida, vogliamo spiegarvi la segnaletica stradale dell’Irlanda dove dovrete da evitare le doppie linee gialle e gli spazi destinati al transito dei bus.

Per quanto riguarda invece la guida in centro storico, le autorità consigliano di prendere l’Inner Orbital Route, oppure di servirsi dell’Outer Orbital Route. Questo vi permetterà di allontanarvi dagli ingorghi tipici di tutte le grandi città, pur senza trovarvi a una distanza eccessiva dalle migliori attrazioni turistiche.

Dopo aver visitato Dublino vi consigliamo di non perdervi le aree circostanti e le città situate a una breve distanza d’auto. Imperdibili risultano essere le città di grandi dimensioni, qualora siate alla ricerca di qualcosa di più movimentato.

Tra queste, Belfast è raggiungibile percorrendo per due ore la M1 e l’A1 verso nord. Galway si trova invece sulla costa occidentale, a 200 chilometri di distanza tramite la M6.

In caso preferiate invece una tranquilla passeggiata immersi nella natura, la Contea di Wicklow risulta essere quello che fa per voi, a solo un’ora sulla M11, mentre la Contea di Meath a cinquanta minuti sulla M3 vi farà fare un salto nella storia.

Una breve guida su Dublino

Una breve guida su Dublino Non si può tuttavia visitare il resto dell’Irlanda senza essersi prima concentrati su Dublino. Per questa ragione, abbiamo pensato a una semplice guida perché la vostra vacanza sia assolutamente indimenticabile.

Non vi resta dunque che mettervi al volante e lasciarvi trasportare alla scoperta dei quartieri e le zone migliori della città.

Centro storico

Ogni angolo di Dublino è ricco di storia, ma la sua parte centrale lo è ancora di più. Infiniti sono gli edifici d’interesse storico, come l’Irish Castle, la fortezza costruita tra 1208 e 1220, il Dublin City Hall, splendido esempio di architettura georgiana che, inizialmente adibito a centro finanziario dei mercanti locali, si è convertito in municipio.

Ma, anche, la Saint Patrick Cathedral, imponente chiesa protestante anglicana in stile gotico, la cui torre spicca con i suoi 43 metri d’altezza e la National Gallery of Ireland, con i suoi capolavori di Caravaggio e Turner.

Temple Bar

Non si può dire di essere stati a Dublino senza prima aver visitato il quartiere preferito dagli abitanti locali. Aspettatevi un reticolo di viuzze sulle quali si affacciano senza interruzione bar alla moda, ristoranti e pub dal sapore classico.

Ma, anche, gallerie d’arte contemporanea, spazi espositivi e centri culturali, quali l’Irish Film Institute, il National Photography Archive e la Gallery of Photography. Da zona medievale di artigiani e corporazioni, passando per l’aria tutta boema del secolo XIX, fino a raggiungere lo status di simbolo della riqualificazione, capace di escludere catene di fast-food e centri commerciali.

Liberties

Dall’aria decisamente differente dal precedente, questo quartiere è caratterizzato dall’essere ubicato fuori dalle mura cittadine e indipendente dalla giurisdizione centrale.

Storicamente abitato da operai e famiglie cattoliche di umili origini, viene anche ricordato per il suo nome originario, “The Four Corners of Hell” ossia “I quattro angoli dell’inferno”, per l’enorme numero di pub in ogni suo angolo.

Lontano dagli occhi del turismo di massa, oggi merita una visita per comprendere meglio il passato povero della città e conoscere, tra le altre, la fabbrica della Guinness, nonché mercatini e bazar di anticaglie a prezzi ridotti.

Grafton Street

Più che di un quartiere, di una via si tratta, capace però di fare storia a sé. Estendendosi dal parco di St. Stephen’s Green sino ai giardini della celebre università del Trinity College – dove hanno studiato tra gli altri Jonathan Swift, Oscar Wilde e Bram Stoker – Grafton Street è la via dello shopping per eccellenza di Dublino e il luogo d’incontro di straordinari artisti di strada.

I suoi edifici caratterizzati da tipici mattoncini in terracotta nascondono vetrine addobbate con il meglio della moda a livello internazionale e oggetti di lusso, con marchi quali Luis Vuitton e Rolex.

Howth Village

Basta allontanarsi di poche centinaia di metri in direzione mare per staccare la spina dal trambusto cittadino per qualche istante. Il molo Est è l’ideale per una sana passeggiata, lasciandosi trasportare dalla brezza marina e concedendosi una cena a base di pesce.

Soffermatevi anche ad ammirare l’incessante attività portuale. Non è un caso che questa zona sia meglio nota come il “villaggio dei pescatori”.