Save

Noleggio Auto Pomezia

Scroll

Prenota ora

The site is best viewed on Portrait Mode.

MSG_REDIRECTING_247

LBL_REDIRECTING

Noleggio Auto Pomezia

Inizia prenotazione
Agenzie di ritiro

Perché Hertz

  • Miglior prezzo garantito - se trovi una tariffa Hertz più bassa, ti rimborsiamo la differenza
  • Nessuna penale in caso di modifica o cancellazioneEntro due giorni dal ritiro del veicolo.
  • Nessun costo aggiuntivo nascosto - copertura danno e furto inclusa
  • Wi-Fi in omaggio per chi effettua l’iscrizione al nostro programma fedeltà Gold Plus Rewards. Clicca qui per maggiori informazioni.

Hertz a Pomezia

Cittadina di provincia se paragonata con la vicina Roma, Pomezia è il luogo strategico ideale per soggiornare fuori dal trambusto capitolino senza esserne mai veramente distanti.

Leggendario luogo di sbarco di Enea, oggi Pomezia si presenta ai curiosi come un piccolo Comune di poco più di 60.000 abitanti ubicato a circa sei km dalla costa tirrenica laziale.

Ambito luogo di villeggiatura nei periodi più caldi dell’anno per la presenza della rinomata e curatissima spiaggia di Torvaianica, Pomezia si distingue però anche per centri culturali come il Museo Civico Archeologico Lavinium e il Borgo di Pratica di Mare, dove sorgeva l’originaria Acropoli dell’antica Lavinium, ricordata oggi con un borgo dall’aspetto medievale.

Per raggiungere questi luoghi senza perdervi Roma e i magnifici paesaggi laziali, consigliamo di usufruire del servizio di noleggio auto che le nostre agenzie locali vi mettono a disposizione. 

Guidare a Pomezia e dintorni

Pomezia

Se decidete di raggiungere il Lazio via aerea, l’Aeroporto di Roma Fiumicino risulta essere la scelta indicata, vista la vicinanza con il centro di Pomezia. Sono infatti 38 i km che separano lo scalo dalla destinazione, prendendo l’A91 e la SR148.

Nonostante il servizio di trasporti urbano sia bene organizzato soprattutto durante i mesi estivi, il noleggio di un’auto risulta di una particolare convenienza per spostarsi con agilità nei dintorni della cittadina e poter raggiungere i principali punti d’interesse circostanti.

Il sito ufficiale del Comune mette a disposizione informazioni aggiornate sulla mobilità, con tutti i parcheggi a pagamento ubicati nei dintorni del centro storico e della spiaggia. Inoltre, può risultare conveniente dare un’occhiata alle ZTL presenti in città.

Dopo aver visitato le zone e i monumenti principali di Pomezia, è obbligatorio concedersi qualche giornata di svago alla scoperta delle principali attrattive di cui il Lazio è ricco.

Prima fra tutte Roma, che dista solo 38 minuti di guida sulla SR148. Nei dintorni, consigliamo anche di fare una sosta alle Rovine e gli Scavi di Ostia Antica, raggiungibili conducendo sulla Via Litoranea/ SP601 per poco più di mezz’ora.

In direzione opposta, invece, si può pensare a un viaggio che in soli 80 km vi porterà alla scoperta di tre gemme ricche di storia e cultura disposte sulla Via Pontina/ SR148: Latina, Sabaudia e Terracina.

Se, poi, vi rimanesse un po’ di tempo libero, vi proponiamo di spingervi oltre regione verso la Campania, dove Napoli ed i suoi dintorni, distanti solo due ore e mezza sull’A1, non deluderanno di certo le vostre aspettative.

Ultima meta, per gli amanti della natura, potrebbe poi essere il Parco del Gran Sasso, situato solo alla distanza di 162 km sull’A24.

Una breve guida su Pomezia

Pomezia

La breve guida che trovate a seguire è stata realizzata appositamente per permettervi di scoprire il meglio di Pomezia e le sue zone di interesse storico-culturale. Non vi resta dunque che salire in auto e partire all’avventura.

Torvaianica

Iniziamo con questa zona che, seppur non inclusa nel perimetro urbano di Pomezia, può essere considerata una sua frazione, considerando la breve distanza – dieci chilometri – e il grande afflusso di pometini sulle sue sponde durante i fine settimana.

Torvaianica, che deve il suo nome alla Torre del Vajanico, una vecchia torre d’avvistamento un tempo presente in zona, si distingue infatti come una delle più ambite mete vacanziere per i laziali a partire dagli anni ’50, grazie a un lungo litorale sabbioso e alle prestigiose strutture alberghiere che vi si affacciano.

Nei suoi dintorni vi si trovano inoltre vari reperti risalenti all’età romana, tra i quali l’Heroon di Enea, ritenuto da molti come il luogo di sepoltura della celebre figura omerica.

Centro storico

“Storico per modo di dire”. Il Comune, infatti, appartenente alle cinque “città nuove” dell’Agro Pontino, fu fondato da Benito Mussolini solo nel 1938.

Degli edifici che fanno parte del progetto originale ne rimangono in piedi solo alcuni, con la parte restante ricostruita o risalente alla seconda metà del secolo scorso.

Tra questi, meritano una visita - per cercare d’immaginarsi la struttura della città durante il periodo fascista - l’Edificio Postale, la Casa del Fascio, la Chiesa e la Sagrestia di San Benedetto e il Serbatoio Idrico.

Pratica di Mare

Si tratta di un piccolo borgo che costituisce una frazione di Pomezia. Qui, il visitatore verrà accolto da un gruppo di casette dall’aspetto medievale raccolte intorno a un castello dello stesso periodo e una chiesetta, costruiti su un antico accampamento di origini romane.

L’edificio religioso si presenta con una torre quadrangolare che, dedicata a San Pietro Apostolo, vide le sue origini nel secolo VIII e una successiva restaurazione nel secolo XII.

Il castello, invece, riassestato a partire dal secondo dopoguerra grazie all’intervento statale, si presenta tutt’oggi con imponenti torri tondeggianti, cannoni e una cinta muraria merlata.

Riserva Naturale Regionale Decima Malafede

Compresa tra il GRA, la Via Pontina, la Via Laurentina e il Comune di Pomezia, questa riserva naturale si estende su una zona di 6.145 ettari, rivelandosi in questo modo come la più grande area protetta del sistema dei parchi gestiti da RomaNatura.

Ben 800 sono le specie di fiori e piante presenti sul territorio, che risulta abitato, come dimostrano tracce di antichi insediamenti, sin dall’epoca preistorica - circa 250.000 anni fa.

Sono anche state rinvenute tombe appartenenti a una necropoli dell’Età del Ferro e si rilevano tracce medievali, come la Torre di Perna e le rovine del castello dei Monti della Leva, rimaneggiato nel secolo XVIII, ma comunque suggestivo.