autonoleggio

Gold Plus Rewards
  • Non sei ancora socio? Iscriviti

Prenota un'Auto

Cerca agenzia di noleggio

PRENOTA LA TUA AUTO

03 Nov

Avellino ed i castelli dell’Irpinia byHertz

Avellino ed i castelli dell’Irpinia banner

Avellino appare a prima vista come un luogo sospeso tra antico mondo rurale e moderna realtà cittadina. Situata sulle sponde del fiume Sabato, protetta dall’Appennino e accerchiata da piccoli villaggi da cartolina, non è oggi solo conosciuta per i suoi paesaggi mozzafiato, ma anche per un’eredità culturale intrigante. Se visitare alcune delle sue mete assolutamente imperdibili quali la Cattedrale e la Torre dell’Orologio non dovesse bastarvi, consigliamo di scoprire i castelli dell'Irpinia in macchina.

 

Ecco alcune delle migliori attrazioni di Avellino e:

 

Torre dell’Orologio

 

Situata in Piazza Amendola, viene considerata di diritto il simbolo di Avellino, dominando la città con i suoi 40 metri d’altezza. Costruita nel 1600, testimonia con la sua bellezza la grande influenza che lo stile Barocco aveva in questa zona d’Italia. Sebbene un grave terremoto l’abbia danneggiata nel 1980, è stata perfettamente restaurata nel 1991.

 

Fontana dei Tre Cannoli

 

Altro simbolo cittadino per eccellenza, anche conosciuto con il nome di “Bellerofonte”, è una bellissima fontana situata in Strada delle Puglie e un tempo adibita ad abbeveratoio per le bestie. Fu in seguito l’architetto Cosimo Fanzago a restaurarla e a darle l’aspetto attuale di Bellerofonte in lotta con la Chimera.

 

Cattedrale

 

Altra sosta imprescindibile è alla Cattedrale, anch’essa oggetto di danni dovuti a uno dei tanti terremoti che hanno colpito la regione Campania. Questo tempietto risale al XII secolo ed è di matrice neoclassica, con una cripta in stile Romanico e un coro ligneo del XVI secolo.

 

Castello di Bisaccia

 

Guidando per circa un’ora sulla A16, raggiungerete facilmente il Castello Ducale di Bisaccia, situato nell’Alta Irpinia. Costruito dai Longobardi nell’VIII secolo, venne trasformato in residenza da Federico II di Svevia, che come Torquato Tasso nel 1588, lo utilizzò come riserva di caccia. Gli appassionati di misteri ne sono particolarmente attratti per la leggenda della principessa che vi ha abitato e per il museo a lei dedicato, che contiene la sua tomba e preziosi oggetti personali.

 

Castello Feudale dei Lancellotti

 

Sempre a poca distanza e in località Lauro, si trova un altro dei tanti numerosi e fantastici castelli irpini. Costruito nel X secolo e ristrutturato nel 1872, a seguito dell’incendio appiccato dalle truppe francesi, presenta una torre di 16 metri e spicca per l’architettura gotica, barocca e rinascimentale. La fortezza è tuttora considerata una delle strutture difensive meglio conservate in regione.

 

Ci teniamo a rassicurarvi ancora una volta che non rimarrete di certo delusi dai paesaggi incantati di Avellino e dai castelli della zona dell’Irpinia, come i più noti della Bisaccia e dei Lancellotti.